Linea Probiotici

L’importanza della flora intestinale.

E’ ormai accertato che i microorganismi presenti nell’intestino esercitano un grande numero di funzioni, oltre a rappresentare la cosiddetta barriera mucosa, importante sistema di difesa nei confronti dei fattori potenzialmente patogeni o immunogeni presenti nel lume 1. A livello intestinale la flora sostiene e promuove un numero importante di funzioni:

  • produzione di enzimi, favorendo così i processi digestivi
  • sintesi di vitamine (vitamina K e del gruppo B, come la B12)
  • produzione di acidi grassi a catena corta, come l'acido aceticopropionico e butirrico (il quale sembra abbia azione protettiva contro il cancro del colon), utili alle cellule epiteliali del colon
  • azione sul metabolismo di pigmenti biliari
  • produzione di sostanze ad azione antimicrobica
  • potenziamento della funzione di barriera intestinale, contro l’invasione di batteri patogeni
  • regolazione della motilità del tubo digerente e della composizione dei gas intestinali e delle feci
  • regolazione del pH dell’ambiente gastrointestinale. 1, 2

I microorganismi agiscono anche regolando numerose funzioni esterne all’apparato gastroenterico quali il metabolismo e le difese immunologiche. Va da sé che quando la flora intestinale viene alterata, e prodotte sostanze tossiche e dannose in grado di creare forti squilibri a livello intestinale, neurovegetativo e immunitario, si determinano diverse situazioni patologiche non solo locali, ma anche circolatorie, epatiche, dismetaboliche e immunitarie 3, 4. In queste situazioni è stata verificata l’efficacia della somministrazione di microorganismi probiotici, in grado di riequilibrare la flora intestinale e di migliorare l’esito di varie patologie determinate dalla disbiosi.

Ruolo dei probiotici.

I probiotici sono dei microrganismi vivi che, se utilizzati come supplemento alimentare di natura microbica, influenzano in modo benefico l’ospite, modulando la risposta immunitaria locale e sistemica e migliorando anche l’equilibrio nutrizionale e microbico del tratto intestinale. I probiotici agiscono principalmente riequilibrando la flora intestinale. Più in generale:

  • promuovono l’esclusione di antigeni, aumentando la degradazione e alterando la loro immunogenicità, e quindi riducendo il carico antigenico
  • regolano la secrezione di mediatori pro e anti-infiammatori, orientando lo sviluppo del sistema immunitario
  • normalizzano le proprietà di un microbiota sbilanciato
  • normalizzano l’aumentata permeabilità intestinale, risultato dell’infiammazione mucosale
  • inibiscono la colonizzazione da parte di microorganismi patogeni, grazie alla produzione di sostanze anti-microbiche (post-biotici) e/o mediante competizione per l’adesione alla mucosa.5, 6

L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconoscel’esistenza di“adeguate prove scientifiche indicanti che il consumo di cibi contenenti probiotici può avere effetti benefici sulla salute“, specificando che questi effetti riguardano “infezioni gastro-intestinali, alcune malattie intestinali, allergie ed infezioni uro-genitali, tutti disordini che colpiscono una larga parte della popolazione mondiale" (Food and Agriculture Organization and World Health Organization expert consulation: Consultation of health and nutritional properties of powder milk and live lactic acid bacteria. Cordoba, Argentina, 2001).

I probiotici più conosciuti ed utilizzati sono i lattobacilli (L. rhamnosus, L. acidophilus, L. casei, L. delbrueckii subsp. bulgaricus, L. reuteri, L. brevis, L. salivarius, L. plantarum) e i bifidobatteri (B. bifidum, B. adolescentis, B. animalis, B. infantis, B. longum, B. breve).

Meccanismi immunologici dei probiotici (da 9)

I meccanismi immunologici di azione dei probiotici sono:

  • Immunomodulazione (induzione di cellule TReg, riallineamento del rapporto Th1/Th2)
  • Secrezione di citochine Th1 (IL-10, IL-12, TGF-b)
  • Riduzione della produzione di IgE
  • Sviluppo di cellule dendritiche tollerogeniche
  • Attivazione delle cellule NK
  • Stimolazione dei Toll-like receptors
  • Produzione di IgA secretorie7-9

Probiotici e allergie

I probiotici, che risiedono abitualmente nell’intestino umano, esercitano la loro azione benefica sul sistema immunitario. Questo è vero anche per i soggetti allergici e alcuni probiotici sono stati studiati proprio in relazione alle malattie allergiche. Sembrerebbe che il rapporto tra flora intestinale ed allergie possa essere correlato sin dalla nascita. I bambini allergici che svilupperanno allergie possono presentare una flora intestinale differente da quella dei bambini sani10, 11. L’impiego di ceppi probiotici (in particolare Lattobacilli e Bifidobatteri) è stato utilizzato in vari aspetti delle malattie allergiche, dalla dermatite atopica all’allergia alimentare sino alla rinite allergica14, con effetti benefici sull’organismo.15-17.

PUBBLICAZIONI CITATE

  1. Robles Alonso V, Guarner F. Linking the gut microbiota to human health. Br J Nutr 2013;109 Suppl 2:S21-6.
  2. Rajilic-Stojanovic M. Function of the microbiota. Best Pract Res Clin Gastroenterol 2013;27(1):5-16.
  3. Purchiaroni F, Tortora A, Gabrielli M, Bertucci F, Gigante G, Ianiro G, et al. The role of intestinal microbiota and the immune system. Eur Rev Med Pharmacol Sci 2013;17(3):323-33.
  4. Kamada N, Seo SU, Chen GY, Nunez G. Role of the gut microbiota in immunity and inflammatory disease. Nat Rev Immunol 2013;13(5):321-35.
  5. Isolauri E, Rautava S, Salminen S. Probiotics in the development and treatment of allergic disease. Gastroenterol Clin North Am 2012;41(4):747-62.
  6. Klaenhammer TR, Kleerebezem M, Kopp MV, Rescigno M. The impact of probiotics and prebiotics on the immune system. Nat Rev Immunol 2012;12(10):728-34.
  7. Castellazzi AM, Valsecchi C, Caimmi S, Licari A, Marseglia A, Leoni MC, et al. Probiotics and food allergy. Ital J Pediatr 2013;39:47.
  8. Dongarra ML, Rizzello V, Muccio L, Fries W, Cascio A, Bonaccorsi I, et al. Mucosal immunology and probiotics. Curr Allergy Asthma Rep 2013;13(1):19-26.
  9. Kim HJ, Kim HY, Lee SY, Seo JH, Lee E, Hong SJ. Clinical efficacy and mechanism of probiotics in allergic diseases. Korean J Pediatr 2013; 56:369-376
  10. Johansson MA, Sjogren YM, Persson JO, Nilsson C, Sverremark-Ekstrom E. Early colonization with a group of Lactobacilli decreases the risk for allergy at five years of age despite allergic heredity. PLoS One 2011;6(8):e23031.
  11. Ozdemir O. Various effects of different probiotic strains in allergic disorders: an update from laboratory and clinical data. Clin Exp Immunol 2010;160(3):295-304.
  12. Szajewska H. Understanding the role of probiotics and prebiotics in preventing allergic disease: evidence and methodological issues. Immunotherapy 2013;5(8):869-78.
  13. Nermes M, Salminen S, Isolauri E. Is There a Role for Probiotics in the Prevention or Treatment of Food Allergy? Curr Allergy Asthma Rep 2013.
  14. Kim HJ, Kim HY, Lee SY, Seo JH, Lee E, Hong SJ. Clinical efficacy and mechanism of probiotics in allergic diseases. Korean J Pediatr 2013;56(9):369-76.
  15. Elazab N, Mendy A, Gasana J, Vieira ER, Quizon A, Forno E. Probiotic Administration in Early Life, Atopy, and Asthma: A Meta-analysis of Clinical Trials. Pediatrics 2013.
  16. Ismail IH, Licciardi PV, Tang ML. Probiotic effects in allergic disease. J Paediatr Child Health 2013;49(9):709-15.
  17. Wickens K, Stanley TV, Mitchell EA, Barthow C, Fitzharris P, Purdie G, et al. Early supplementation with Lactobacillus rhamnosus HN001 reduces eczema prevalence to 6 years: does it also reduce atopic sensitization? Clin Exp Allergy 2013;43(9):1048-57.
  18. Wang MF, Lin HC, Wang YY, Hsu CH. Treatment of perennial allergic rhinitis with lactic acid bacteria. Pediatr Allergy Immunol 2004;15(2):152-8.
  19. Peng GC, Hsu CH. The efficacy and safety of heat-killed Lactobacillus paracasei for treatment of perennial allergic rhinitis induced by house-dust mite. Pediatr Allergy Immunol 2005;16(5):433-8.

Non esistono prodotti in questa categoria